Home / Canzone d'Autore / SIMONE AVINCOLA, il nuovo album KM28 Recensione di Gloria Berloso

SIMONE AVINCOLA, il nuovo album KM28 Recensione di Gloria Berloso

Il giovane cantautore romano non è spuntato come un fungo nel nostro arido firmamento musicale, al contrario anche per lui è stato necessario un periodo di gavetta, ma con questo lavoro si potrebbe realizzare una realtà più che apprezzabile dato che ogni canzone risulta molto piacevole e segna una maturità notevole dalle sue precedenti opere. Anche al primo ascolto pervaso com’è da quella atmosfera fresca e spontanea, si capisce che Simone ha dato molta importanza sia ai testi che alle musiche. I testi naturalmente delle dieci canzoni costituiscono l’ossatura, il filo conduttore e la musica arricchiscono quell’atmosfera che già hanno creato le parole.
KM28 è la prima canzone che dà il titolo al disco e che apre la lunga storia che si snoderà lungo tutti i motivi del disco concatenati tra di loro. Fin dall’inizio la voce del cantautore fa da mattatrice ed intorno ad essa suonano i vari strumenti usati per la registrazione. Hanno suonato Simone Avincola – chitarra acustica, Edoardo Petretti – pianoforte, tastiere, fisarmonica, cori; Stefano Ciuffi – chitarra acustica, chitarra elettrica, cori; Matteo Alparone – basso elettrico, contrabbasso; Luca Monaldi – batteria, percussioni.
Uno dei motivi interessanti è Er Fuggitivo, una ballata semplice quanto vera che grazie alla sua linearità accattiva la simpatia di chi l’ascolta. Tutti i testi sono particolarmente incisivi per il loro realismo di storie di tutti i giorni. Anche la sezione ritmica accompagna le parole ed le tastiere producono un soffuso accompagnamento. FamoseSerfi è un titolo indovinato per la canzone costruita tutta su un discorso fra la voce di Avincola e il bravo Fiorello.
Simone non è certo l’innovatore annunciato che cerchiamo dai tempi del Folk Studio ma è un ragazzo come gli altri che ha il pregio, non indifferente, di scrivere le cose che sente e vede intorno a lui comunemente. Di cantautori bravi ne abbiamo molti in Italia e Avincola ne sente umanamente l’influenza; tuttavia il dialetto romano e una maggiore libertà espressiva gli conferiscono una certa originalità. Le situazioni narrate nei testi non sono trascendenti, né simboliche ma sono tratte dalla vita quotidiana.
Un altro carattere importante di questo disco è il legame che Simone ha non solo con la tradizione musicale romana, ma proprio con la stessa città, colta nei suoi punti caratteristici, a cominciare da Trastevere, il quartiere che è da sempre la fucina dei romani de Roma, dove sono nati gli stornelli più famosi, dove Avincola raccoglie quello spirito estremamente genuino che costituisce il maggior pregio dell’Album KM28. La dote della misura non è da tutti ma Simone ha dimostrato di averla in quantità notevole, rimanendo sempre con i piedi per terra e sfruttando una originalità genuina, non ottenuta con esperimenti strani, trascendenti, che risultano poi solo fini a se stessi.
I piccoli difetti sono pressoché irrilevabili ad un normale ascolto, tanta è la pulizia totale dei suoni.

Copertina KM28
Copertina KM28

 

                  Tutte le canzoni

 

  1. KM28 / 2. Er fuggitivo / 3. Roma far west / 4. Io mi fermo qua / 5. Non lasciarti andare via / 6. Via da qui / 7. Come er sole quanno piove / 8. Se domani / 9. Corri amore! / 10. #FamoseNserfi feat.Fiorello
Commenta con Facebook!

About Gloria Berloso

avatar
Sono nata a Gorizia il 17 dicembre 1955, piccola città del Friuli Venezia Giulia. Attualmente vivo in un piccolo paese in campagna. Fin da bambina ho ascoltato la musica attraverso i dischi che mio padre faceva arrivare d’oltre oceano. A metà degli anni ’80 per la predisposizione ad organizzare eventi e concerti ho iniziato a concretizzare dei progetti. ovvero la creazione di festival rock dove far esibire complessi emergenti. La mia casa è stata un punto d’incontro per tantissimi giovani e il deposito temporaneo dei loro strumenti.. In seguito molti hanno copiato questa iniziativa. Ho collaborato con alcuni artisti di ottimo livello ed organizzato manifestazioni teatrali curandone la direzione artistica, la presentazione e la critica giornalistica. Attualmente collaboro solo ed unicamente per pura passione con artisti che in me hanno fiducia e per un legame di bella e spontanea amicizia.

Leggi altro:

Alba in musica: pianoforte e violino a bordo piscina

Torna anche questa estate l’appuntamento con la musica classica all’alba a bordo piscina. Un pianoforte …