Home / Canzone d'Autore / Luigi Tenco, il tempo dell’insuccesso, amore e sensualità.

Luigi Tenco, il tempo dell’insuccesso, amore e sensualità.

 

Ho ascoltato una canzone di Luigi Tenco attraverso uno spot pubblicitario di abiti bianchi da sposa,  ho avuto un brivido e ho pensato a lui che odiava ogni tipo di mercificazione e  alla sua voce unica e irripetibile che cantava temi d’amore con una grande sensualità. La canzone non è molto conosciuta, non ha raggiunto mai il successo, d’altronde solo le canzoni più “importanti” sono arrivate all’orecchio del grande pubblico e dopo la sua morte avvenuta in circostanze misteriose nel 1967 in una camera d’albergo a Sanremo. Quella sera, il volto e soprattutto gli occhi di Tenco, mentre cantava sul palco del Festival, li ricordo perfettamente. Con i miei occhi da bambina  osservavo quello sguardo strano ed il mio cuore malato ebbe un sussulto. Dissi a mio padre che Tenco era fuori di sé perché guardava nel vuoto e cantava con rabbia. Io lo conoscevo perché lo avevo visto alla televisione e le sue canzoni le amavo già allora. Il giorno seguente, nell’indifferenza più totale poiché il Festival continuò, ascoltai la notizia dal telegiornale e lessi il giornale con mio padre: Luigi Tenco si è sparato. Oggi, credo che qualcuno abbia voluto la sua morte ma quel che è peggio, che nessuno dei presenti in sala abbia fatto nulla per fermare questo atto così violento e tragico.

Luigi Tenco è morto a ventotto anni, non era un drogato, non aveva ottenuto grandi successi, non aveva riempito teatri e stadi in Italia, in Europa e nel mondo eppure a qualcuno dava fastidio.

Le sue canzoni erano dirette, talvolta taglienti, contenevano una poetica travolgente mescolata al suo timbro di voce sensuale, raro, un po’ triste ma in amore si sa, l’atmosfera rassegnata esiste quando le cose non vanno per il verso giusto. In molte canzoni di Tenco è riflessa la sua dimensione interiore, è chiaro che in canzoni come HO CAPITO CHE TI AMO e LONTANO, LONTANO trasparivano delusioni, speranze ma anche una volontà d’amare, di fedeltà in UNO DI QUESTI GIORNI TI SPOSERO’, stai tranquilla. Chissà chi voleva sposare?

Attraverso queste canzoni ma anche altre più impegnate non riesco a trovare una giustificazione alla sua fine. Quando canta …io si, che ti avrei fatto arrossire, dicendoti ti amo come lui non sa dire…io si che ti avrei fatto capire che il bello della sera non è soltanto uscire…ti avrei insegnato qualcosa dell’amore che per lui è peccato. Questo è amore, è passione, è grandezza interiore. Nessun altro cantautore italiano è mai riuscito a raggiungere questi livelli con poche e semplici parole, Tenco è unico per questo motivo. Ma una canzone non può determinare una morte. Perché avrebbe dovuto uccidersi se era corrisposto?

Si pensa che UN GIORNO DOPO L’ALTRO sia la chiave della sua fine…e la speranza ormai è un’abitudine….la vita si ripete nella sua monotonia, i sogni svaniscono nel tempo, l’amore s’allontana o non viene corrisposto. Tutti noi nella vita perdiamo delle speranze ma quanti s’uccidono per questo e perché Tenco avrebbe dovuto spararsi in una squallida stanza di un albergo?

Gli anni passano, i ricordi musicali di gloria ed i successi passati non svaniscono mai anzi s’ingrandiscono.  A me dispiace solo che si continui ad associare l’uomo e la sua opera immensa alla sua fine tragica.

Vedrai vedrai
vedrai che cambierà
forse non sarà domani
ma un bel giorno cambierà

Vedrai vedrai
che non sei finito sai
non so dirti come e quando
ma vedrai che cambierà.

Commenta con Facebook!

About Gloria Berloso

avatar
Sono nata a Gorizia il 17 dicembre 1955, piccola città del Friuli Venezia Giulia. Attualmente vivo in un piccolo paese in campagna. Fin da bambina ho ascoltato la musica attraverso i dischi che mio padre faceva arrivare d’oltre oceano. A metà degli anni ’80 per la predisposizione ad organizzare eventi e concerti ho iniziato a concretizzare dei progetti. ovvero la creazione di festival rock dove far esibire complessi emergenti. La mia casa è stata un punto d’incontro per tantissimi giovani e il deposito temporaneo dei loro strumenti.. In seguito molti hanno copiato questa iniziativa. Ho collaborato con alcuni artisti di ottimo livello ed organizzato manifestazioni teatrali curandone la direzione artistica, la presentazione e la critica giornalistica. Attualmente collaboro solo ed unicamente per pura passione con artisti che in me hanno fiducia e per un legame di bella e spontanea amicizia.

Leggi altro:

Sperimentazioni sonore in Italia dal 1950 al 2000

Per la prima volta al MAXXI (Via Guido Reni, 4/a), con When sound becomes form …