Home / Libri / La fortuna è un gatto nero. I poeti cantautori del cabaret Chat Noir di Montmartre – Marina Alberghini

La fortuna è un gatto nero. I poeti cantautori del cabaret Chat Noir di Montmartre – Marina Alberghini

220px-Théophile-Alexandre_Steinlen_-_Tournée_du_Chat_Noir_de_Rodolphe_Salis_(Tour_of_Rodolphe_Salis'_Chat_Noir)_-_Google_Art_Project

Non erano cantautori (non scherziamo con le “etichette” e con le cose serie) però poeti, molti di loro, sì: irreggimentati, maledetti, disillusi, canzonatori, poveri in canna, bon vivant, gli artisti del “Gatto Nero” di Montmatre, gatti neri anche loro, a loro modo; bohèmiens nell’accezione dura e pura del fine secolo parigino. Anime fiammeggianti votate al “gusto pieno della vita”, sesso, droga e rock and rollante litteram. Facile oggi come oggi spiacere per mestiere, cercate però di mettervi nei loro panni, tenendo conto anche del contesto borghese-puritano di fine Ottocento: senza un soldo, senza una famiglia regolare e senza nemmeno un futuro, a verseggiare in rima, alla maniera di Paul Verlaine (per citare il più noto), cose come

“Quando Marco passava, tutti i giovani uomini/ Si piegavano a scrutarne gli occhi, dei Sodoma (…) Quando Marco amava, torrenti di lussuria/ Debordavano, come da una ferita (…) Il torrente rompeva le dighe dell’anima,/ Annegava il pensiero, e sconvolgeva/ Tutto sulla sua strada, e si rialzava/ Soffice e divorante come fiamma,/ E poi gelava”.

arton57980

Che seducenti abissi di perdizione, ragazzi! Consideratelo un assaggino di ciò che troverete tra le pagine di quest’ottimo “La fortuna è un gatto nero. I poeti cantautori del cabaret Chat Noir di Montmartre” (Stampa Alternativa, 2013) che Marina Alberghini ha curato con minuziosa dedizione, a partire da genesi e fortuna maudit del locale-ritrovo fino all’(ontologica) antologia di canzoni e poesie di poeti, poetastri e mattoidi che vi gravitarono attorno: Goudeau, Satie, Gill, Bruant, Lorrain e persino una donna, la polacca Marie Krysinska, come dire il meglio del meglio della lirica ferro & fuoco parigina, sui generis ma con un suo fascino. Un altro esempio, dal “Testamento” di Charles Cros, morto ad appena 46 anni, “giovane” come quasi tutti i deraciné della suburra del “Chat Noir”:

“Se l’anima mia chiara si spegne/ Come lampada senza petrolio/ Se il mio superiore intelletto si accartoccia/ come un folle straccio,/ Se ammuffisco, adamantino,/ Intero, senza macchia, né sifilide,/ Se il balbettare dannato insidia/ La mia persuasiva parola (…) Non temete, io non maledico/ Nessun. Perché un Paradiso/ Mattinale, si apre e mi fa tacere.”

Il libro comprende anche diverse – e rare – illustrazioni, a cominciare dal must del gatto nero che torreggia con la bandiera rossa con su scritto “Gaudemus”, diventato emblema del cabaret che fu.

Acquistalo qui

Commenta con Facebook!

About Alessandro Calzetta

avatar
Bio: Alessandro Calzetta (Roma, 1971), creatore e direttore del magazine www.bravonline.it è un appassionato di canzone d'autore, grafico pubblicitario (www.grafichemeccaniche.it) e webdesigner di professione (www.alessandrocalzetta.it). E' un componente del gruppo d'ascolto del The Place di Roma. Fa parte della giuria che assegna, ogni anno, le Targhe Tenco. e.mail: info@alessandrocalzetta.it Alessandro su Facebook:

Leggi altro:

I “Mari interni”: in un libro la poesia di Bruno Lauzi, ma senza musica

IMPERIA – Seppur fosse tra i fondatori della Scuola genovese dei cantautori, assieme ai grandi come …