Home / Canzone d'Autore / INDIETRO NON CI TORNO – ARANGARA – GIANFRANCO RICCELLI

INDIETRO NON CI TORNO – ARANGARA – GIANFRANCO RICCELLI

Questo è l’album di Gianfranco Riccelli.

indietro non torno

La sua musica assume contorni più netti indirizzandosi verso un rock-blues ora soffuso ora energico dove gli insegnamenti di Lolli, Bertoli e Guccini si rivelano in aperture dolcissime, sorrette dalla fisarmonica e il mandolino. Indietro non ci torno, primo brano del disco e titolo dell’Album è un disco maturo, ricco di sfaccettature, che si avvale dell’apporto della bella voce di Marcello Barillà, co-autore del brano d’inizio, E parlami d’amore, I falchi e la madre. Nato ieri è firmato da Pierangelo Bertoli, Le tue scale da Claudio Lolli, e scusate se non è poco!
Il primo interrogativo che si pone nell’analisi del nuovo disco di Riccelli è se l’ascesa ad un eventuale premio sia bloccato dalla scarsa attenzione di critica musicale dato che il precedente album degli Arangara non ha trovato alcuna collocazione in merito, eppure la qualità era notevole come i suoi testi e l’apporto di strumentazione tipicamente calabrese. Di commercializzare dischi come questo , credo non ci sia nemmeno l’ombra; Gianfranco Riccelli è legato ai vecchi schemi e ci offre un disco di buona fattura, una musica non certo cerebrale o dai significati reconditi, anzi orecchiabile e piacevolissima, ma non per questo venduta al facile successo ormai in disuso ai bravi artisti che non siano passati attraverso un percorso dettato da case discografiche dedite purtroppo a sperimentalismi e sonorità da computer con cantanti quasi in erba usciti da trasmissioni televisive.
Altro pregio dell’album è la straordinaria comunicativa di Gianfranco Riccelli che ha portato i suoi compagni d’arte a divenire quasi una live band, un insieme di musicisti che trovano la migliore ispirazione dinanzi alle platee. Gianfranco canta, suona le chitarre, mandolino e armonica; Mimmo Crudo il basso elettrico e acustico fretles; Giuseppe Franchellucci il violoncello e gli archi; Manuel Franco la batteria e percussioni; Fabio Nuzzarello chitarra classica, elettrica e slide; Antonio Rimedio la fisarmonica. Hanno suonato e cantato inoltre Daniele Radano, Pasquale Rizzo, Sebastiano Trumfio, Alberto Bertoli, Marcello Barillà, Francesca Salerno, Aurora Pozzi.

Gianfranco Riccelli - live
Ad ognuno la sua storia ad ognuno la sua parte, ci sono tanti mondi e tante cose da scoprire e l’universo è anche dietro le parole di una canzone. Sui brani in particolare del disco poche parole da parte mia, l’ascolto vi dirà molto di più trascinandovi in una atmosfera spensierata veramente bella. Un’opera, questa, intelligente e coscienziosa che colloca Gianfranco al di sopra di tanti cantautori nostrani in una sfera che confina e si compenetra in quella della poesia. Gianfranco Riccelli riesce ad esprimere quello che tutti noi almeno una volta abbiamo pensato, ma mai saputo esprimere e trasmettere in poesia e musica.
“E aspetta il tempo, dietro il tempo e il tempo sta a guardare, il mare accende il fuoco, dietro al fuoco, e sa aspettare se no non ci sarebbe proprio niente da scoprire … io confino ad est con chissà quale mare. Ed ecco questa notte ti regala una canzone, per i tuoi sogni ancora aperti, tutti quanti in bianco e nero.”
L’universo è anche dietro le parole di una canzone, per diventare anonime figure inafferrabili.
Un alito di vento in mezzo a sassi immobili perché quando si parla d’amore bisogna ascoltare, un’ottima abitudine per non farsi morire!

Autore:

Gloria Berloso
Gloria Berloso
Commenta con Facebook!

About Gloria Berloso

avatar
Sono nata a Gorizia il 17 dicembre 1955, piccola città del Friuli Venezia Giulia. Attualmente vivo in un piccolo paese in campagna. Fin da bambina ho ascoltato la musica attraverso i dischi che mio padre faceva arrivare d’oltre oceano. A metà degli anni ’80 per la predisposizione ad organizzare eventi e concerti ho iniziato a concretizzare dei progetti. ovvero la creazione di festival rock dove far esibire complessi emergenti. La mia casa è stata un punto d’incontro per tantissimi giovani e il deposito temporaneo dei loro strumenti.. In seguito molti hanno copiato questa iniziativa. Ho collaborato con alcuni artisti di ottimo livello ed organizzato manifestazioni teatrali curandone la direzione artistica, la presentazione e la critica giornalistica. Attualmente collaboro solo ed unicamente per pura passione con artisti che in me hanno fiducia e per un legame di bella e spontanea amicizia.

Leggi altro:

Jess Glynne a 105 Mi Casa: "Con il nuovo album ho imparato ad accettare chi sono"

A poche settimane dall’uscita del suo nuovo album, Always In Between (12 ottobre), Jess Glynne …