Home / Canzone d'Autore / “IL TENCO ASCOLTA” A ROMA IL 24 APRILE A L’ASINO CHE VOLA OSPITE DAVID RIONDINO

“IL TENCO ASCOLTA” A ROMA IL 24 APRILE A L’ASINO CHE VOLA OSPITE DAVID RIONDINO

Il 24 aprile alle 21 per la prima volta “Il Tenco ascolta” farà tappa a Roma, in uno dei live-club più prestigiosi della Capitale, L’Asino che vola, in via Antonio Coppi 12/d. L’ingresso è gratuito.

“Il Tenco ascolta” è un ormai consolidato appuntamento in cui il Club Tenco invita alcuni nuovi talenti della canzone d’autore ad esibirsi in vari appuntamenti in tutta Italia, per farsi conoscere dal pubblico e dal Club stesso. Gli artisti sono selezionati tra le centinaia che ogni anno spediscono il proprio materiale al “Tenco”. Un’occasione per incontrare la musica di qualità di domani.

Di scena il 24 aprile ci saranno Federica Baioni, Roberto Giglio, Fedele Mazzetti, La Ruggine, Francesco Spaggiari e Gabriel Zagni, tutti artisti romani stilisticamente molto diversi uno dall’altro, a cui potrebbero aggiungersi ospiti a sorpresa. Ospite speciale della serata sarà David Riondino.

David Riondino

Presenterà Enrico Deregibus.

Il format de “Il Tenco ascolta” è nato nel 2008 con due serate a Provvidenti, in provincia di Campobasso, e si è poi via via esteso in tutta Italia. Nel 2012 è stato ospitato a Laigueglia (Savona), Piombino (Livorno), Montesilvano (Pescara), Napoli, Rivoli (Torino) e Bari, mentre questo di Roma è il primo appuntamento del 2013, a cui come sempre parteciperanno diversi esponenti del “Tenco”, a partire dal responsabile artistico Enrico de Angelis.

L’evento è organizzato dal Club Tenco e l’Asino che vola con Strategie di comunicazione.

Per info e prenotazioni:

L’Asino che Vola, Via Antonio Coppi, 12/d – Roma

Tel. 06 7851563 – lasinochevola@gmail.com

Commenta con Facebook!

About Gloria Berloso

avatar
Sono nata a Gorizia il 17 dicembre 1955, piccola città del Friuli Venezia Giulia. Attualmente vivo in un piccolo paese in campagna. Fin da bambina ho ascoltato la musica attraverso i dischi che mio padre faceva arrivare d’oltre oceano. A metà degli anni ’80 per la predisposizione ad organizzare eventi e concerti ho iniziato a concretizzare dei progetti. ovvero la creazione di festival rock dove far esibire complessi emergenti. La mia casa è stata un punto d’incontro per tantissimi giovani e il deposito temporaneo dei loro strumenti.. In seguito molti hanno copiato questa iniziativa. Ho collaborato con alcuni artisti di ottimo livello ed organizzato manifestazioni teatrali curandone la direzione artistica, la presentazione e la critica giornalistica. Attualmente collaboro solo ed unicamente per pura passione con artisti che in me hanno fiducia e per un legame di bella e spontanea amicizia.

Leggi altro:

Sperimentazioni sonore in Italia dal 1950 al 2000

Per la prima volta al MAXXI (Via Guido Reni, 4/a), con When sound becomes form …