Home / Libri / I “Mari interni”: in un libro la poesia di Bruno Lauzi, ma senza musica

I “Mari interni”: in un libro la poesia di Bruno Lauzi, ma senza musica

IMPERIA – Seppur fosse tra i fondatori della Scuola genovese dei cantautori, assieme ai grandi come De Andrè e Paoli, Bruno Lauzi non era solo un uomo di musica, era anche un poeta. La poesia, si sa, può vivere benissimo senza l’apporto sonoro, si nutre cioè di sole parole, di fini ceselli letterari minuziosi di cui sono correlati i componimenti. E Lauzi era uno dei pochi cantautori a costruire poesie in cui la musica fosse presente unicamente nella mente del lettore.

i-mari-interni-2Il cantautore fece nascere dalla sua penna ben quattro libri di poesia. Il primo lo terminò nel ’94 e si intitola “Mari interni”, una sorta di testamento su cosa fosse per Lauzi il mare, non solo un ambiente esteriore in cui gli occhi si infrangono sulle onde ma un vero e proprio spazio interiore che non ti abbandona mai. Tutto quel blu che costeggia la Liguria, tutto quell’azzurro che talvolta ti avvolge e talvolta invece cerca di imprigionarti e farti andare a fondo. Quel mare così caro ai poeti, agli uomini coraggiosi e puri, ai grandi cantautori come Bruno Lauzi.

Commenta con Facebook!

About Alessandro Calzetta

avatar
Bio: Alessandro Calzetta (Roma, 1971), creatore e direttore del magazine www.bravonline.it è un appassionato di canzone d'autore, grafico pubblicitario (www.grafichemeccaniche.it) e webdesigner di professione (www.alessandrocalzetta.it). E' un componente del gruppo d'ascolto del The Place di Roma. Fa parte della giuria che assegna, ogni anno, le Targhe Tenco. e.mail: info@alessandrocalzetta.it Alessandro su Facebook:

Leggi altro:

Jovanotti, De André e De Gregori: Zhang e la via cinese dei cantautori

Un ragazzo cinese nei suoi studi a Milano scopre i grandi cantanti italiani. Tornato in …