Home / Libri / Cantautori? Guccini ricercato, Conte indecifrabile

Cantautori? Guccini ricercato, Conte indecifrabile

STEFANO NOBILE, ‘MEZZO SECOLO DI CANZONI ITALIANE – UNA PROSPETTIVA SOCIOLOGICA (1960-2010) (CAROCCI, PP 310, EURO 31). E’ Francesco Guccini il più ricercato degli artisti italiani: lo stabilisce una classifica stilata da Stefano Nobile, autore di ‘Mezzo secolo di canzoni italiane – Una prospettiva sociologica (1960-2010)’.

Secondo Nobile, docente di Istituzioni di sociologia e comunicazione presso l’Università La Sapienza di Roma, è invece Franco Battiato l’autore che negli ultimi 50 anni si è maggiormente distinto sotto il profilo linguistico. Quanto alla ricercatezza, rispetto alla quale Guccini sbaraglia tutti, la vera sorpresa è Claudio Baglioni, che nel corso della sua carriera è passato “dal proporsi come il Moccia delle sete note – tutto magliette fine, passerotti poster , accoccolati ad ascoltare il mare – alle sperimentazioni linguistiche, come nel gioco di allitterazioni presente in ‘Io, lui e la cana femmina'”.

Secondo Nobile, autore di un volume che fa costantemente riferimento a ciò che gli italiani hanno ascoltato nell’ultimo mezzo secolo e quindi ai gusti musicali più diffusi, il primo posto per quanto riguarda i riferimenti colti all’interno delle canzoni è occupato dagli Articolo 31, seguiti dai Baustelle, Guccini, Elio e le Storie Tese, Jovanotti e Vecchioni. L’autore sottolinea tuttavia che il gioco colto, il gusto per la citazione, a volte si trasformano in vero e proprio rebus.

Di conseguenza, non è un caso che un enigmista come Paolo Conte compaia in cima alla classifica degli autori più “indecifrabili”. Il cantautore astigiano, con il valore massimo di 7,5 si distanzia non di poco da Fossati (6,1), Vecchioni (6,0), Cammariere (5,9), Battiato (5,9), Dalla e De Gregori (5,8), Orme (5,4), Silvestri e i Litfiba (5,2).

Nel libro c’é anche divertente classifica sulla “velocità” della musica italiana, da cui risulta che il 1998 é stato l’anno in cui sono usciti gli album dal ritmo più frenetico, mentre negli ultimi 50 anni le annate più tranquille sotto questo profilo sono state due: il 1964 e il 1975. Sul fronte delle tematiche, e in particolare quella relativa alla sfera privata, lo scettro va a Mia Martini.

All’opposto, i più refrattari a scendere sul personale sono nell’ordine: Bennato, De André, De Gregori, Litfiba e Baustelle. L’artista che nelle sue canzoni parla quasi esclusivamente dell’amore è Amedeo Minghi, seguito da Spagna, Mina, Battisti, Renga, Nannini e D’Alessio.

Al contrario, i più restii a parlare di questo tema attraverso le canzoni sono, stando al criterio soglia di un minimo di 20 brani considerati, Bennato, Litfiba, De André, Guccini e Baccini.

Commenta con Facebook!

About Alessandro Calzetta

avatar
Bio: Alessandro Calzetta (Roma, 1971), creatore e direttore del magazine www.bravonline.it è un appassionato di canzone d'autore, grafico pubblicitario (www.grafichemeccaniche.it) e webdesigner di professione (www.alessandrocalzetta.it). E' un componente del gruppo d'ascolto del The Place di Roma. Fa parte della giuria che assegna, ogni anno, le Targhe Tenco. e.mail: info@alessandrocalzetta.it Alessandro su Facebook:

Leggi altro:

I “Mari interni”: in un libro la poesia di Bruno Lauzi, ma senza musica

IMPERIA – Seppur fosse tra i fondatori della Scuola genovese dei cantautori, assieme ai grandi come …