Home / Pop News / Brook, Martone, Ronchetti: Romaeuropa dà spettacolo con danza …

Brook, Martone, Ronchetti: Romaeuropa dà spettacolo con danza …

Un Pinocchio contemporaneo nato da uno spartito della compositrice Lucia Ronchetti allungherà il suo naso alle Terme di Diocleziano. Peter Brook farà approdare il viaggio in Afganistan nel cuore di Testaccio, al Teatro Vittoria. La musica di John Adams darà la scossa all’Accademia di Santa Cecilia, mentre il performer Robert Henke farà ballare la Sala Santa Rita. E Mario Martone riproporrà il suo storico Tango Glaciale al Vascello, quasi 40 anni dopo il debutto. Palazzo Falconieri farà da cornice per le note di Dàniel Dobri e Villa Medici si trasformerà in palcoscenico per la performance di dell’iraniano Ali Moini.

 

Romaeuropa Festival torna dal 19 settembre al 25 novembre con 68 progetti in 27 luoghi romani, per la prima volta in arrivo da quattro continenti. 

Hofesh Shechter e Ivo Van Hove, La Mama di New York insieme ai Motus, Virgilio Sieni con Mimmo Cuticchio. Per un totale di 60 compagnie di cui 40 per la prima volta al Festival, 311 artisti da 24 nazionalità, 38 prime nazionali e 29 programmi internazionali, 10 coproduzioni e collaborazioni con 30 accademie straniere per 168 repliche in poco più di due mesi di programma. Una maratona di creatività che toccherà i palcoscenici più prestigiosi della città: l’Auditorium Parco della Musica nel gran finale in tutte le sue sale, ma anche le sale affrescate da Pietro da Cortona a Palazzo Barberini per gli Anagoor o l’ex Planetario. Riflettori accesi ovunque. E non solo in città. Romaeuropa darà vita a sei importanti momenti culturali ad Amatrice, Accumuli e Acireale: Ascanio Celestini, Danza Area-Compagnia il Posto, Alessandro Baricco, tre produzioni di livello assoluto che contribuiranno a portare vita e speranza nelle comunità dei territori del sisma.

L’apertura in viaggio tra Africa-Occidente con Kirina, del coreografo burkinabé Sergè-Aime Coukibaly, i testi dello studioso Felwine Sarr e le musiche dell’icona della world music Rokia Traorè. Poi, uno dopo l’altro, il Libano di Omar Rajeh in #minaret, coreografia dedicata al Minareto raso al suolo ad Aleppo, in Siria; il Vietnam di Caroline Guiela Nguyen, con 11 attori a indagare l’eredità post coloniale dietro all’insegna di ogni ristorante Saigon. E poi la Cina di Wen Hui, l’Argentina di Lola Rias e Cecilia Bengolea. Il Mali della cantante Grammy Oumou Sangaré, interprete assoluta del Wassoulou, Israele nel Love Chapter 2 della coreografa Sharon Eyal, che torna insieme a Gai Behar, animatore della vita notturna di Tel Aviv, e a Ori Lichtik, padre dei techno rave in Terra Santa. 

«Un programma Between worlds, in mezzo ai mondi, come recita il titolo di questa edizione – spiega la presidente della Fondazione Romaeuropa Monique Veaute – Si pensava che dopo la caduta del muro di Berlino le cose sarebbero cambiate. E allora abbiamo deciso di varcare il cuore dell’Europa, per andare a vedere cosa accade nel resto del mondo». «Between worlds – aggiunge il direttore artistico Fabrizio Grifasi – significa prendere atto dei tanti mondi con cui ci confrontiamo ogni giorno. Non vogliamo esorcizzare paure, ma provare a incontrarli e farne un Festival ci è sembrato urgente». 

Gli appuntamenti sono divisi in tre percorsi – Storie, Visioni e Suoni – e nelle sezioni Digitalive, Anni Luce, Dancing Days, REf Kids e nelle attività di Community. «Si fa quasi fatica a chiamarlo Festival – commenta il direttore generale per lo spettacolo dal vivo del MiBACT Ninni Cutaia – Romaeuropa ha la capacità di perlustrare chi oggi ha una ricerca in atto» dimostrando «negli ultimi anni quanto le risorse finanziarie pubbliche siano state investite molto bene». «Questa città è viva», aggiunge il vicesindaco Luca Bergamo, sottolineando l’importanza della «collaborazione in atto tra le varie istituzioni culturali. Romaeuropa è Romamondo». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenta con Facebook!

About Alessandro Calzetta

avatar
Bio: Alessandro Calzetta (Roma, 1971), creatore e direttore del magazine www.bravonline.it è un appassionato di canzone d'autore, grafico pubblicitario (www.grafichemeccaniche.it) e webdesigner di professione (www.alessandrocalzetta.it). E' un componente del gruppo d'ascolto del The Place di Roma. Fa parte della giuria che assegna, ogni anno, le Targhe Tenco. e.mail: info@alessandrocalzetta.it Alessandro su Facebook:

Leggi altro:

J-Ax a 105 Mi Casa: «La reunion degli Articolo 31? Era il momento giusto»

Ax e Max, che coppia! L’ex Articolo 31 è stato ospite a 105 Mi Casa …