Home / Marco Annicchiarico

Marco Annicchiarico

avatar

Nulla da aggiungere (di M. Annichiarico)

Questo annuncio, inaspettato, ha caricato l’ascolto del nuovo disco di un'emotività che altrimenti non ci sarebbe stata, un’emotività che riesce quasi a far passare per capolavoro un album che contiene un paio di buone canzoni e che dimostra come Fossati, da una decina d'anni a questa parte, musicalmente non abbia davvero altro da aggiungere alla sua discografia.

Leggi l'articolo »

ManzOni

Chissà se dopo aver ascoltato questo disco, pensando al nome “Manzoni”, si continuerà a preferire quello vero (Piero). I ManzOni “musicali” hanno inciso uno dei migliori dischi di esordio dell’anno in corso, dissonante e dissodante allo stesso tempo.

Leggi l'articolo »

Baroque – Rocq

Dopo aver vinto la terza edizione della Torino Sotterranea e Talenti per natura, concorso organizzato da LifeGate, a quattro anni di distanza dal primo album, distribuito su scala mondiale dalla famosa etichetta francese Musea Records (specializzata in Progressive Rock), i Baroque sono tornati sulla scena musicale con Rocq.

Leggi l'articolo »

Roberto Giordi: Con il mio nome

Nei mesi estivi Bravo ha avuto modo di recensire "Con il mio nome", un interessante lavoro di Roberto Giordi, uscito come cd autoprodotto. Complici i concerti, alcune recensioni positive e diverse partecipazioni a trasmissioni radiofoniche, in questi mesi Giordi è riuscito ad attirare l'attenzione degli addetti ai lavori. Al punto che il cd è stato ristampato e, il 25 gennaio, sarà distribuito con una nuova veste grafica per conto della Odd Times Records / EGEA. Un lieto fine meritato, come (purtroppo) non accade spesso nell'ambiente musicale. Nell'augurare a Roberto una carriera densa di soddisfazioni, la redazione ha deciso di ripubblicare per l'occasione la recensione apparsa nel mese di luglio.

Leggi l'articolo »

Fabio Viscogliosi – Fenomeno

Dopo un passato trascorso a suonare in diversi gruppi più o meno anonimi (gli ultimi i Married Monk), Fabio Viscogliosi pubblica il suo secondo disco solista. In Francia ha già avuto modo di farsi conoscere come vignettista per Le Monde e grazie a una collaborazione con Yann Tiersen. In Italia è, invece, un personaggio tutto ancora da scoprire. Musica, disegni e scrittura diventano in Fabio tre forme diverse dello stesso universo.

Leggi l'articolo »