Home / Canzone d'Autore / “Dove Suona il Violino: Citire e bunkule storiche”

“Dove Suona il Violino: Citire e bunkule storiche”

Folkest 2010: a S. Giorgio di Resia

una domenica dedicata al violino.
sabato 10 luglio 2010
S. GIORGIO DI RESIA (UD), Osteria Alla Speranza , ore 17.00
“Dove Suona il Violino: Citire e bunkule storiche” INGRESSO GRATUITO

Dopo il successo del 2009 anche quest’anno Folkest – il più importante folk festival del Mediterraneo che gode del sostegno della Regione Friuli-Venezia Giulia (assessorati  all’Istruzione e alla Cultura e alle Attività Produttive) e di  Fondazione Crup, Comune di Spilimbergo, Scuola Mosaicisti del  Friuli, l’alto patrocinio del Ministero Affari Esteri, del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, del  Ministero per la Cultura della Repubblica di Slovenia, della  presidenza della Regione Autonoma Friuli-Venezia Giulia, dell’Enit  (Agenzia Nazionale del Turismo) e l’indispensabile contributo di Assicurazioni Generali, Latterie Friulane, Utm-Unione Tipografica –ha pensato di dedicare un’intera giornata di riflessione e divertimento a uno degli strumenti musicali che più colpiscono l’immaginario collettivo: il violino.

Anche l’incantevole scenario che fa da cornice rimane lo stesso dello scorso anno: Resia, una valle nella quale la musica è un soffio vitale, indissolubilmente legata ancor oggi alla cultura di un popolo, simbolo stesso di quel piccolo popolo che coraggiosamente resiste all’avanzata della normalizzazione. In questo raro contesto di sopravvivenza di riti e miti ancestrali, con il suonatore ancora nel suo ruolo sciamanico di collante della società, la comunità resiana negli ultimi anni s’interroga e studia, cerca strade per un futuro che la faccia sopravvivere in primis alla contrazione demografica della stessa valle. Nuovi studi sono stati fatti nel campo dell’organologia e si sta lavorando alla costruzione di violini opportunamente modificati, in grado di resistere alla tensione straordinaria delle corde che abitualmente i suonatori usano. Ma se la storia è maestra di vita, non poteva mancare anche una riflessione sugli strumenti antichi presenti ancora in valle, sopravvissuti all’uso e all’abuso e anche a un devastante terremoto.

Così all’antica osteria Alla speranza, uno dei locali storici del Friuli, e autentico cuore da sempre del carnevale resiano, che già conserva numerosi e significativi cimeli, prenderà vita un’esposizione degli strumenti di maggior valore presenti in valle e soprattutto di quelli appartenti ai grandi suonatori del passato, nomi ormai mitici, passati nell’immaginario collettivo di intere generazioni di resiani.

“La tradizione non ha bisogno di essere difesa, ma aiutata a trovare nuove strade sì e, come già abbiamo accennato, non vi è migliore opportunità che sapere da dove si viene per capire dove possiamo andare”. (Andrea Del Favero)scrittaFOLK2010

Commenta con Facebook!

About Gloria Berloso

avatar
Sono nata a Gorizia il 17 dicembre 1955, piccola città del Friuli Venezia Giulia. Attualmente vivo in un piccolo paese in campagna. Fin da bambina ho ascoltato la musica attraverso i dischi che mio padre faceva arrivare d’oltre oceano. A metà degli anni ’80 per la predisposizione ad organizzare eventi e concerti ho iniziato a concretizzare dei progetti. ovvero la creazione di festival rock dove far esibire complessi emergenti. La mia casa è stata un punto d’incontro per tantissimi giovani e il deposito temporaneo dei loro strumenti.. In seguito molti hanno copiato questa iniziativa. Ho collaborato con alcuni artisti di ottimo livello ed organizzato manifestazioni teatrali curandone la direzione artistica, la presentazione e la critica giornalistica. Attualmente collaboro solo ed unicamente per pura passione con artisti che in me hanno fiducia e per un legame di bella e spontanea amicizia.

Leggi altro:

Alla Baia di Sistiana arriva Sven Väth, la leggenda della musica …

La leggenda della musica elettronica, Sven Väth, con oltre trent’anni di carriera come dj e …