Home / Canzone d'Autore / Piccoli Cantautori Crescono

Piccoli Cantautori Crescono

Crescono bene i cantautori degli anni Zero: raccontano i nostri tempi cupi meglio degli altri perché hanno sempre preso il vento in faccia. Provinciali eppure universali, sopra a ogni cosa indipendenti: la loro è urgenza rock fuori dai canali tradizionali che troppo spesso omologano. Ma il bello è che tanto fermento sembra finalmente uscito dalle nicchie: Le Luci della Centrale Elettrica, Dente, Brunori Sas iniziano a conquistare fette sempre più grandi di pubblico. Infilano “tutto esaurito” dove non te lo aspetti e vendono quanto o più di chi è prodotto dalle major. Prendete l’altro Vasco, uno che osannavano solo certi critici con la barba e che adesso si trova a rivaleggiare con un cannibale planetario del pop come Pharrell Williams. Vasco Brondi, 30enne ferrarese, per il suo progetto discografico ha scelto un nome da battaglia: Le Luci della Centrale Elettrica abbaglia subito per potenza evocativa. Il suo precedente Per ora noi la chiameremo felicità, album di intensità rara, nel 2010 aveva sfiorato solo il 24° posto, ma il nuovo Costellazioni, uscito con l’etichetta indipendente La Tempesta Dischi, s’è arrampicato fino a un incredibile secondo posto in classifica.

Brunori
LUCI SPLENDENTI — Brondi è il meno melodico e il più spigoloso di questa felice generazione. Adesso, però, guarda il pubblico da un angolo diverso: non più solo chitarra e voce, ma una miscela calda di suoni organici ed elettronici. E poi fa intravedere un lieto fine, anticorpo verso il pessimismo: vuole che Le Luci «rischiarino l’orizzonte» e, intanto, ha iniziato a splendere nel tour, partito venerdì da Livorno. Pisa, invece, è la città degli Zen Circus, trio apprezzato da poco con il fresco ottavo disco Canzoni contro la natura: entrati a gennaio al numero uno nella classifica digitale di iTunes, sul palco sono energici e vitali come pochi. A inizio marzo, con un boom inatteso all’Alcatraz di Milano, è invece partito il viaggio di Brunori Sas. Bizzarro a volte, pungente e ironico sempre, ha voluto l’azienda di famiglia come curioso nome d’arte: il nuovo disco che sta stupendo in giro per l’Italia, Vol. 3 – Il cammino di Santiago in taxi, è stato registrato in un convento di Belmonte Calabro, nella provincia di Cosenza in cui il 36enne Dario Brunori vive e crea con orgoglio. Esordio da più ascoltato su Spotify, il suo lavoro sa di impegno, ma pure di nazional-popolare, senza mai tralasciare l’uso funambolico della parola.
IL PAESE DI OGGI — Quello che dà forza a Dente, al secolo Giuseppe Peveri, 38 anni da Fidenza (Parma): oggi parte in tour in teatro per suonare dal vivo il suo nuovoAlmanacco del Giorno Prima, uscito a gennaio superando subito le strettoie dell’indie e incuriosendo il grande pubblico. Si diverte con i fonemi, li combina con estro e sapienza, come in chiave più pop azzarda anche Levante, la siciliana del tormentoneAlfredo, anche lei tornata in pista in queste settimane post-Sanremo. Tutti giovani e arguti, cantano il Paese di oggi senza rinnegare i tanti maestri di ieri: sanno che, in fondo, la canzone d’autore aiuta sempre ad uscire dalle macerie.

About Alessandro Calzetta

avatar
Bio: Alessandro Calzetta (Roma, 1971), creatore e direttore del magazine www.bravonline.it è un appassionato di canzone d'autore, grafico pubblicitario (www.grafichemeccaniche.it) e webdesigner di professione (www.alessandrocalzetta.it). E' un componente del gruppo d'ascolto del The Place di Roma. Fa parte della giuria che assegna, ogni anno, le Targhe Tenco. e.mail: info@alessandrocalzetta.it Alessandro su Facebook:

Leggi altro:

Mannarino, il nuovo album «Apriti cielo» in arrivo il 13 gennaio: il primo singolo è già virale

Il brano “Apriti cielo”, primo singolo estratto dall’omonimo album di MANNARINO (in uscita il 13 gennaio) su …

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *