Home / News / È morto Lou Reed

È morto Lou Reed

Lou Reed è morto quest’oggi all’età di 71 anni. Nello scorso maggio il cantante americano aveva subito un trapianto di fegato e in settembre era stato ricoverato per alcuni problemi fisici.

Nato a Brooklyn nel 1942, da una famiglia ebraica e benestante, Lou Reed fonda i Velvet Underground nel 1966, insieme a John Cale, a Sterling Morrison e a Mo’ Tucker. Il gruppo è inglobato nella factory di Andy Warhol che finanzia il primo album The Velvet Undergound & Nico del 1967 che contiene canzoni come Heroin e Sunday Morning che permettono alla band e al suo frontman di affermarsi come il gruppo più innovativo della scena musicale newyorchese.

Lou Reed in dieci canzoni

Lou Reed, musicista statunitense e fondatore dei Velvet Underground, è morto il 27 ottobre. Aveva 71 anni. Il suo agente, Andrew Wylie, ha confermato che è morto a Southampton, New York, per una complicazione dopo un trapianto di fegato fatto a marzo. “Il mondo ha perso un grande cantautore e poeta. Io ho perso un amico d’infanzia”, ha dichiarato John Cale, cofondatore dei Velvet Underground.

Dal 2008 era sposato con Laurie Anderson, cantante e artista alla quale era legato da diversi anni.

Lou Reed è nato a Brooklyn il 2 marzo del 1942. Dopo aver frequentato la Factory di Andy Warhol negli anni sessanta insieme ai Velvet Underground, negli anni settanta ha esordito da solista, la sua carriera si è chiusa con l’album Hudson River Wind Meditations del 2007, ma ha continuato a collaborare con diverse band fra cui The Killers, Gorillaz e Metallica.  Personalità eclettica e aperta anche ad altre arti, Lou Reed ha partecipato ad alcuni film come Così lontano, così vicino e Palermo Shooting di Wim Wenders, Blue in the Face di Wayne Wang e Lulu on the Bridge di Paul Auster. Negli anni ha collaborato anche con musicisti come David Bowie e Iggy Pop. Ecco dieci canzoni che raccontano la sua carriera.

The ostrich

Questo singolo è stato registrato nel 1964 da una band chiamata The Primitives, di fatto il primo nucleo dei Velvet Underground. Scritto da Lou Reed, era una parodia delle canzoni dance dell’epoca.

Sunday morning

È il brano che apre l’album The Velvet Underground & Nico, l’esordio della band di Lou Reed ancora oggi considerato una pietra miliare del rock. Le immagini che accompagnano la canzone sono state girate da Andy Warhol.

I’m waiting for the man

Altro pezzo estratto da The Velvet Underground & Nico, diventato un classico del repertorio live di Lou Reed. Anche in questo caso, le immagini sono state girate da Andy Warhol.

Rock & roll

Una canzone estratta da Loaded, il quarto album dei Velvet Underground, l’ultimo con la partecipazione di Lou Reed.

Walk on the wild side

Transformer, uscito nel 1972, è diventato l’album più famoso della carriera solista di Lou Reed. È stato prodotto da David Bowie e Mick Ronson. Oltre aWalk on the wild side contiene canzoni come Perfect day e Satellite of love. All’epoca Walk on the wild side diventò anche una hit radiofonica, nonostante parlasse temi controversi come la droga, la transessualità e la prostituzione maschile.

Oh Jim

Berlin, nonostante il flop commerciale, è diventato un album di culto nella produzione di Lou Reed. È un concept album su una coppia di amanti nella Berlino degli anni settanta, con suoni cupi e decadenti.

Sweet Jane

Scritta e registrata la prima volta con i Velvet Underground nel 1970, Sweet Jane è tra i brani più amati dai fan del musicista americano. Ecco la versione estratta dal disco dal vivo Rock’n’roll animal.

Dirty Blvd.

New York è uscito nel 1989, ed è stato un grande successo di pubblico e critica. Questa è una versione dal vivo del singolo Dirty Blvd.

Small town

Pubblicato nel 1990, Songs for Drella è stato scritto e registrato con il gallese John Cale, amico e polistrumentista dei Velvet Underground. L’album è dedicato a Andy Warhol, morto nel 1987.

The view

Lulu è stato l’ultimo album pubblicato da Lou Reed. Registrato insieme ai Metallica e uscito nell’ottobre del 2011, è stato accolto in modo piuttosto freddo dalla critica e dal pubblico.

Rock and roll heart

Nel 1998 la televisione Pbs ha dedicato a Lou Reed un documentario della serie American Masters, che racconta la vita del musicista statunitense. Il video completo, con i sottotitoli in italiano.

 

About Alessandro Calzetta

avatar
Bio: Alessandro Calzetta (Roma, 1971), creatore e direttore del magazine www.bravonline.it è un appassionato di canzone d'autore, grafico pubblicitario (www.grafichemeccaniche.it) e webdesigner di professione (www.alessandrocalzetta.it). E' un componente del gruppo d'ascolto del The Place di Roma. Fa parte della giuria che assegna, ogni anno, le Targhe Tenco. e.mail: info@alessandrocalzetta.it Alessandro su Facebook:

Leggi altro:

BRUNORI A TEATRO Canzoni e monologhi sull’incertezza.

28 Febbraio 2018 AL POLITEAMA GENOVESE BRUNORI A TEATRO  Canzoni e monologhi sull’incertezza. UNO SPETTACOLO …

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *