Bravonline – Cantautori italiani
Canzone d'autore italiana e musica di qualità



Canzone d'Autore

20 November 2012

Cronache dal Premio Tenco – “Fratelli d’America”

Articolo tratto da I MITI DI TIMI il blog di Timisoara Pinto
Quest’anno il Premio Tenco era dedicato al centenario della nascita di Woody Guthrie. Soltanto il leggendario padre della canzone sociale e politica poteva ricongiungere sullo stesso palco Luigi Grechi e Francesco De Gregori.
E’ accaduto l’altra sera al Club Tenco, per la prima volta dai tempi del Folkstudio, quando Luigi sognava l’America e Francesco, dietro di lui, la scopriva. Ed è la prima volta che il fratello maggiore, durante il convegno pomeridiano intorno alla figura di Guthrie, usa il suo vero cognome, presentandosi come Luigi Grechi De Gregori. C’è anche Giovanna Marini che alla notizia pare rincuorata, lei che li ha visti crescere e ha lo spirito inalterato, una schiettezza e un entusiasmo genuini sulla scena e nella vita per cui è pronta a lanciarsi se ritrova due vecchi amici con cui cantare e a cui risponde pure “fate un po’ come vi pare”, se si defilano con un’argomentazione inoppugnabile: il problema di conciliare le diverse tonalità.
Più che un cavallo di battaglia del Folkstudio, il vero colpo di scena sarebbe stato il bis con “Il bandito e il campione”, fatto a due voci dall’autore e dal suo primo interprete, con l’ausilio prezioso di Ambrogio Sparagna e la sua banda, ma il mio volo mentale e di autrice radiofonica che mette in connessione le cose si scontra a volte con un sipario già calato.Nel rituale Dopofestival (niente di tutto quello a cui il Tenco negli anni ci aveva abituato), agguantiamo Grechi che ci onora della sua presenza mentre gli altri artisti lo attendono al ristorante nel sano e meritato posto a tavola, che qui è come dire pesto a tavola. Siamo gli unici tre giornalisti romani, “gli irriducibili”, Pinto, Pellegrini, Pistolini, privi quest’anno della compagnia di pilastri come Felice Liperi, Elisabetta Malantrucco, Giorgio Galleano.
Uno dei motivi della diaspora, oltre al fatto che il Tenco è diviso tra la manifestazione sanremese e la consegna delle “Targhe” che avverrà a Novara nei giorni dell’Immacolata e qualcuno ha dovuto scegliere su quale trasferta puntare, è che la stampa, anche quella che sopravviveva e lottava insieme a noi, non ha più spazio per il Tenco. Credo, però, che alla resa delle radio non ci si debba rassegnare e che anche il Tenco debba fare uno sforzo di comunicazione, perché a volte il lavoro nelle redazioni culturali è vittima di meccanismi ed automatismi dove ci si desta e ci si organizza intorno ad un’agenda dettata da chi parla e fa parlare di più, grazie agli uffici stampa accreditati a cui lo stesso sistema dei media ha dato un prezioso potere e sacrosanto (se usato bene): “è l’ufficio stampa, bellezza!” dico spesso tra me e me parafrasando la celebre battuta di Bogart. Insomma, ma non voglio dilungarmi su questo, non ci si poteva organizzare per una bella diretta radiofonica?
Tornando invece al Club Tenco e a quando ho intercettato Luigi Grechi al buffet per avere conferma di quella che ritenevo la vera notizia della serata e che ho sintetizzato nel titolo “Fratelli d’America”. “Già… – risponde Luigi, “pastore di  nuvole” con aria sorpresa – “forse non era mai accaduto”. E poi sempre più convinto: “non accadeva da un bel pò“.
Non potevo trovare occasione migliore per inaugurare questo blog: tre miti che stanno alla base delle scelte, del lavoro e delle fantasie della mia vita: Giovanna Marini, Francesco De Gregori e Alessandro Portelli. De Gregori che consegna il  Premio Tenco a Portelli dicendo “una cosa sola ci divide: io amo molto Dylan, lui Springsteen. Però vuol dire che entrambi amiamo Woody Guthrie da cui sia Dylan che Springsteen hanno attinto”. Naturalmente non si tratta della Roma e della Lazio (altro argomento che li divide) e così Portelli, non disdegnando affatto il menestrello di Duluth, ci tiene a precisare di essere stato il primo, nel 1966, a trasmettere Dylan alla radio in Italia. “Ed io ad ascoltarlo grazie a Portelli” chiosa elegantemente come solo il Principe sa fare. Sempre elegantemente, De Gregori offre un condensato del suo tour con Ambrogio Sparagna, rileggendo i suoi classici “Santa Lucia” e “San Lorenzo”, quest’ultimo inteso come il quartiere romano squartato dal bombardamento del 19 luglio 1943 e l’affronto più brutale da parte dei bombardieri “alleati”nei confronti della inerme popolazione civile (e quindi ulteriore omaggio allo storico Sandro Portelli).Alla fine della giostra musicale (quanto me li vorrei portare a casa sul comodino in formato carillon), De Gregori, anche qui per la prima volta, in un “ubi maior” ribaltato, lascia la scena a Luigi Grechi, perché gli stivali da cowboy in casa li ha sempre portati lui. C’è da fare almeno un pezzo di Woody Guthrie e Luigi ne fa due, “My land is your land” e “Hard travelin’”, e Francesco con l’armonica a bocca e grande riverenza ne sottolinea il legame emotivo ed esistenziale, avvicinandosi a Luigi e al suo microfono solo nel lirico afflato finale.
Parola all’esperto, dunque, Luigi, il primo a cantare Guthrie al Folkstudio, e quindi in Italia. Ci assicura che quella di Dylan nel celebre locale di Cesaroni, Giancarlo Cesaroni, non è una leggenda ma la verità. “Perché Bob venne in occasione di un tour europeo di Pete Seeger ed era in compagnia di Susy Porco che studiava a Perugia”. In ogni caso, dietro lo sbarco della musica americana in Italia c’era sempre una donna. Pensiamo ad un’altra studentessa, Deborah Kooperman, per Guccini, o alla hostess di cui racconta lo stesso Grechi che gli faceva da corriere di vinili da importazione. “E’così che entrai in possesso di Dust Bowl Ballads e scoprii che l’Oklahoma era un catino di sabbia perché una terribile tempesta costrinse tutti i coltivatori ad emigrare in California. Woody era uno che come vedeva rosso scriveva una canzone”.C’è anche Davide Van de Sfroos, grande cultore di Gutrhie, tanto da citarlo (a proposito di miti) insieme a Johnny Cash, Robert Johnson e Jimi Hendrix, nel suo brano “Il camionista ghost rider”Sull’autostrada a Casalpusterlego c’è un gran polverone, non si vede niente, non è nebbia non è fumo, è tutta sabbia e nel mezzo c’è un uomo, ha in testa un cappello che sembra quasi uno straccio, ha la salopette e gli scarponi grossi, ride un po’ poi tossisce, ha terra sulla faccia e dentro ai polmoni. Questa è la traduzione dal tremezzino (detto anche laghée), lingua che risuona nel Lago di Como. Nel suo dialetto tronco e sanguigno, Van De Sfroos traduce “My land is your land” e un classico del folk statunitense da tutti conosciuto per la versione degli Animals di Eric Burdon, entrato tra i classici di Guthrie, “The house of the rising sun”.
“Le canzoni di Woody sono sovrapponibili all’oggi in modo inquietante. – dice il cantautore comasco. – Le cose che ha scritto non sono svanite nella sabbia, nonostante tutte le tempeste di polvere”.Certo, anche sentir parlare del periodo della “Grande Depressione” ci fa pensare al clima in cui siamo sommersi negli ultimi tempi, al quale nemmeno il Tenco è immune, e ci fa pensare anche che la musica, proprio grazie e a partire da Guthrie debba essere un bene comune, e come tale, tutelata.
Ero con Giovanna Marini, nel famoso camerino di Pippo Baudo che sta subito dietro al palco, ma senza neanche una stufetta. Giovanna si mette lo scialletto sulle gambe e comincia a raccontare la storia dei suoi anelli, dopo avermi interrogato sui miei. Poi mi dice, ma lo sai che ogni volta che accompagno all’aeroporto la donna che mi aiuta in casa penso sempre a te? Tutti in Romania volano su Timisoara.
La nipote di Woody Guthrie è intanto sul palco per il suo set di quattro canzoni. “Te la racconto io una storia curiosa Giovanna, lo sai che Sarah Lee Guthrie, figlia di Arlo e nata nel ’79, dodici anni dopo la morte del nonno, è sposata con Johnny Irion che è il nipote di John Steinbeck e girano il mondo suonando insieme?”  “Ma tu guarda che coppia, nipoti d’arte, si potrebbe dire”. Sì Giovanna… nipoti d’America…



autore articolo:

avatar
timisoara pinto
Laureata in Scienze della Comunicazione e "storica" della canzone, dal 1999 lavora in RAI come esperta musicale, curando e conducendo per la Direzione Radio, per Radio1, Isoradio e Rai International, programmi di ricerca sulla canzone e sul rapporto che essa ha con l’evoluzione del costume e della cultura del nostro Paese.




 
 

 
Gloria and Ricky

Dreamers di Ricky Mantoan – 50 anni di musica d’autore

Dreamers sigla 50 anni di musica di autore VIDEO UFFICIALE http://https://youtu.be/1MRlqeS2apo Noi siamo sognatori e la musica non deve proprio morire ed è un bene che sia così. Ascoltare un buon brano anche se suonato da un ...
by Gloria Berloso
0

 
 
Luigi Grechi De Gregori

Seconda edizione del premio Civilia ad Aradeo premia Luigi De Gregori

I fatti della Roma violenta ed inquieta degli anni 70 rivissuti il 3 ottobre con le parole e la musica di Stefano Rosso. Concerto e conferimento del premio al cantautore Luigi “Grechi” De Gregori, interprete folk e cantauto...
by Gloria Berloso
0

 
 
foto Lucia Carenini

Luigi “Grechi” De Gregori sul palco con Francesco De Gregori il 15 luglio

LUIGI “GRECHI” DE GREGORI MERCOLEDÌ 15 LUGLIO OSPITE di FRANCESCO DE GREGORI sul palco Della Cavea – Auditorium Parco Della Musica di Roma Mercoledì 15 luglio LUIGI “GRECHI” DE GREGORI sarà ospite di FRANCESCO ...
by Gloria Berloso
0

 

 
Stelio e Edoardo

Gli uomini e le donne di Stelio Gicca Palli – Corpi Estranei vol. I (Recensione di Gloria Berloso)

Se c’è una soluzione la dobbiamo cercare e trovare in noi stessi, in un mondo che esiste forse solamente nella propria anima, non avendo nessuno di cui possiamo fidarci e degno di meritare le nostre capacità mentali,  di m...
by Gloria Berloso
0

 
 
Ricky Mantoan e Branco Selvaggio

Ridin’Again BRANCO SELVAGGIO disponibile per il download su itunes

BRANCO SELVAGGIO – Ridin’ Again Non ha importanza se abbiamo dovuto attendere vent’anni per poter sentire un nuovo disco del Branco Selvaggio, la band di country-rock fondata nel 1978 dal multi-strumentista e voca...
by Gloria Berloso
0

 





  1. avatar

    d’accordo con ciò che hai detto. Da 8 anni seguo il Tenco e ne faccio parte come socio e giurato… quest’anno due bellissime serate, ma quello che è mancato è l’atmosfera che il Tenco crea. Mancava la tensione, le risate, il doposerata e anche la sana stanchezza data da tre giorni di concerti, convegni e caffè al Bar dell’Ariston…il trovare Mauro Pagani che beve il Caffè… mi è mancato il Tenco…pur essendo state due serate meravigliose


  2. avatar

    grazie davide, sì, il Tenco ci è mancato tantissimo. Noi possiamo ben dirlo!

    Ti rinvio al post sul mio blog dove potrai leggere anche un commento della Marini.

    http://imitiditimi.blogspot.it/2012/11/fratelli-damerica.html?spref=fb&m=1

    a presto
    T.



Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *