Home / Canzone d'Autore / 17° festival Ferré a San Benedetto del Tronto – 16-17 giugno 2012

17° festival Ferré a San Benedetto del Tronto – 16-17 giugno 2012

Lo chiamano Bel Paese, sempre con una dose di ironia, perché per noi Italiani questo potrebbe essere il luogo delle mille bellezze ma non lo è, oppure non lo è più, o ancora e peggio, sembriamo condannati ad insozzare tutto ciò che di meraviglioso abbiamo, senza saperlo arricchire. Un po’ come il cacciatore – diceva un poeta – che spara su ciò che ama.

Eppure non è vero. Eppure è la condanna o la fortuna delle nostre genti e delle nostre terre, quella di credere in questo assioma che ci costringe alla perenne inquietudine. Perché invece, senza disciplina magari, o con una disciplina essenzialmente e genuinamente anarchica, questo è un Paese dove le cose belle abbondano, si creano, si danno amorosamente agli altri.

Il problema è che bisogna sforzarsi di cercarle in un mondo dalle orecchie offese da milioni di radio e tv e video e pensieri tutti uguali.

Dovrebbe essere dovere e piacere di chi si occupa di comunicazione, di mettersi a cercare – negli angoli che sembrano nascosti – questa bellezza, come esploratori che in mezzo alla giungla delle false immagini e degli insani suoni, trovano piante rarissime e piccole pietre preziose.

Noi – senza essere esploratori, perché a questa esperienza ci siamo arrivati su strada maestra e con grande fortuna – oggi raccontiamo di un piccolo Festival di musica, che si tiene quando l’estate si affaccia, in un delizioso paese dal mare pulito della nostra costa adriatica, che si chiama San Benedetto del Tronto. Ad organizzarlo, con passione, da 17 anni, Giuseppe Gennari, un giovane professore in pensione (e solo chi non lo conosce può trovare questa definizione contraddittoria), un cultore della lingua e del suono di Francia e un amante assoluto di quel grande maestro, poeta, cantore (se si può utilizzare ancora questo termine nel suo senso più antico), che si chiamava Léo Ferré. Il Festival è dedicato a lui naturalmente: “un miracolo con la parvenza di festival dove la musica vola sulle ali della poesia” e si sostiene con la passione di Giuseppe e la direzione operativa di Maurizio Silvestri ed il sostegno partecipe della famiglia Ferré.

Di seguito il programma delle due serate che si terranno al Teatro Concordia ad ingresso libero, il 16 e 17 di giugno:

sabato alle 21,15 “la chitarra e la voce rombante” di Peppe Voltarelli e alle 22,15 Giulio Casale, “magnetica vedette del Teatro Canzone italiano”;

domenica alle 21,15 “l’energia spontanea” degli Zingari felici e alle 21,45 il “Jazz ispirato” di Yves Rousseau

Oltre agli omaggi a Léo, quest’anno verrà ricordato da Peppe Voltarelli e Giulio Casale anche un grande di casa nostra, Fabrizio De André, a cui verrà assegnata e consegnata nelle mani di Dori Ghezzi la Targa Ferré 2012 alla memoria.

Domenica mattina, alle 10,30, presso la Sala della Poesia del Museo Bice Piacentini, si terrà una tavola rotonda sul tema: La dimensione poetica della canzone. Parteciperanno Enrico De Angelis, nelle vesti di moderatore, Paolo De Bernardin, Giulio Casale, Enrica Loggi, Yves Rousseau, Andrea Satta e Francesco Tranquilli e – forse – il poeta Eugenio De Signoribus.

Ricordiamo infine che La famiglia Ferré metterà a disposizione del pubblico all’ingresso del Teatro Concordia una cartella con i dipinti degli allievi dell’Istituto Tecnico Commerciale “A. Capriotti”, che nel 1988 tramutarono in immagini, verso per verso, la canzone “À toi” di Léo Ferré: 48 figurazioni donate dagli allievi allo stupito poeta-musicista in un incontro nella sua casa di Castellina in Chianti.

INFORMAZIONI E PRENOTAZIONI: 339/2142416 – 328/4832044

About Elisabetta Malantrucco

avatar

Leggi altro:

BRUNORI A TEATRO Canzoni e monologhi sull’incertezza.

28 Febbraio 2018 AL POLITEAMA GENOVESE BRUNORI A TEATRO  Canzoni e monologhi sull’incertezza. UNO SPETTACOLO …

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *